Anime Anfibie di Ettore Massarese

Ogni volta che Ettore Massarese con i suoi testi canta il Mare, mi si impiglia nel cuore un’anima anfibia e tra le ciglia un’immagine.

I’ te saccio…

“I’ te saccio. Tu si’ n’animale d”o mare,

e ‘o viento

t’accarezza quanne ‘o sole scumpare.

I’ te saccio. Tu si creatura de scoglio,

t’accuvacce e te venene appriesso

a una a una e’ jatte cu e’ ddoglie.

E mentre e’gabbiani te fanno ‘a canzone

tu guarde cu ll’uocchie n’orizzonte d’ammore

e se perdene e’ penziere luntano luntano

e comme si fosse na’ vela tu stienne la mano.

E accussì te faje parte e’ sta natura selvaggia

e ‘o respiro tuoio

va a tiempo cu ‘o mare ca se spiaggia”.

Ettore Massarese

27 Comments

  1. La poesia, un canto molto sentito al mare e alle sue apparizioni, e la foto, ingrandendosi ovunque si guardi, fanno da cornice perfetta per accompagnare i versi. Come se le scintille dell’acqua cullassero le nostre guance. Saluti.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.